RICCARDO III – ATTENZIONE: SPETTACOLO ANNULLATO!

ACQUISTA

La nostra concezione del progresso oggi è innanzitutto scientifica, abbiamo sempre più la sensazione che la tecnica ci preceda, siamo noi a dover stare al passo con lei. Abbiamo l’illusione che assecondandola godremo del potere che ci concede, ci illudiamo che esista alla fine della corsa un paradiso artificiale dove vivremo pacificamente e in eterno. La nostra è una guerra contro la morte.

3 maggio

  • Riccardo III di Shakespeare al Teatro Delfino dal 5 all'8 maggio 2016. Regia Omar Nedjari con Federico Zanandrea. Piazza Piero Carnelli, Milano

ATTENZIONE: SPETTACOLO ANNULLATO!

 

il Mecenate presenta:

RICCARDO III

Con: Federico M. Zanandrea (Cast in definizione)

Regia: Omar Nedjari.

Riccardo è l’espressione di questa spinta umana alla dominazione della natura e del mondo, è il miglior soldato di questa guerra. La sua deformità è simile a quella di Efesto, il dio della tecnica a cui Prometeo ruba il fuoco e la sua mente è simile a quella di Atena, che con intelligenza insuperabile progetta le proprie battaglie. In tempo di pace tutto è, apparentemente, cristallizzato nell’ozio, nell’immobilità. Ma Riccardo non è fatto per la pace, i ricevimenti, l’ozio è una macchina da guerra e per esistere ha bisogno di azione. La corte si crogiola nella pace e, abituata all’immobilità, è incapace di comprendere la spinta tremenda che muove Riccardo e non può fare a meno di assecondarlo. Lui solo genera movimento, lui solo è il cardine dell’azione teatrale. Tutta la vita della corte è subordinata alla sua azione.
Chi lo asseconda (Backingham, Anna, Tyrell) spera un giorno di godere del suo potere, chi lo ostacola (Rivers, la Regina) non vuole cedere alla sua avanzata ma non è preparato alla sua potenza, chi invece lo ignora (Hastings, Clarence) ne rimane semplicemente schiacciato.
Tutti, però, si illudono di avere una parte nel destino di Riccardo e sono, invece, strumenti della sua azione. Lui solo conquisterà il potere e lui solo sarà la causa della sua sconfitta.
Lo scopo di Riccardo è la potenza indefinita, una tendenza che, portata all’estremo, conduce all’autodistruzione.
Nella sua disperata e tremenda guerra contro i limiti dell’uomo, Riccardo è l’unico vivo in mezzo a una corte di morti.

La scelta drammaturgica fatta da Marika Pensa, nel seguire questa strada, è stata quella di ridurre i molti personaggi del Riccardo III a soli sei ruoli. Ognuno è il crogiuolo delle istanze che muovono gli avversari e gli alleati di Riccardo. In tempo di crisi economica per lo spettacolo, questa non è solo una scelta dettata dalla necessità, ma dalla convinzione che questa sia la via per portare alla luce in modo chiaro quei lati oscuri di uno dei testi più difficili di Shakespeare.

Ne risulta una lettura frenetica, incalzante, che racconta l’ascesa di Riccardo come una corsa inarrestabile, a tratti grottesca e divertente, a tratti tragica.

Biglietti

Intero: 18,00€ | Ridotto: 15,00€ | Convenzioni e cittadini quartiere: 10,00€ | Prevendita Online: maggiorazione 10%

Ridotti: over 60/Under 25/Studenti


Info e prenotazioni: +39 3335730340 | biglietteria@teatrodelfino.it

Comments are closed.